Desiree Dolron
Xteriors
© Desirée Dolron

È da quando ho iniziato questa serie di articoli dedicati a foto speciali che ho intenzione di parlare di Desirée Dolron e dei suoi ritratti della serie Xteriors.

Fare classifiche è stupido e non porta lontano, in nessun campo e nemmeno in fotografia. Ma se fossi obbligato a scegliere 10 foto di fotografi contemporanei che porterei su un’isola deserta alla fine del mondo, sicuramente Desirée Dolron sarebbe nella selezione. Mi innamorai a prima vista delle sue fotografie, la prima volta che le vedi pubblicate su Zoom, ed ebbi poi il piacere di contemplare le bellissime stampe quando vennero esposte qui a Parigi, splendido modo per consolidare quello che sarà un sentimento stabile e duraturo.

Di tutti i suoi lavori la serie Xteriors è sicuramente la mia preferita, seguita da vicino da Gaze, magici ritratti subacquei. I due portfolio Te di todos mi sueño su Cuba e Exaltation sulle pratiche religiose sono interessanti ma non all’altezza delle magnifiche due altre serie di fotografie. Di Xteriors le mie preferite sono senza dubbio l’albero (di cui non riesco ancora a capire il segreto di tanta bellezza) e i ritratti femminili in primo piano. Fra queste immagini è difficilissimo scegliere, fare una classifica, prendere una foto per farne un articolo. Si va sulle finezze, la perfezione di un viso, la bellezza di una ragazza, perché la purezza della composizione e della luce è presente in tutte le immagini.

Ma alla fine scelgo, anche se un filo a malincuore, ed è la fotografia che accompagna questo articolo, è questa per me la più bella delle fotografie di Desirée Dolron.

Mi rendo conto che in questo caso non è solo la foto in se stessa, visto che ormai è la perfezione totale, ma il soggetto a determinare la scelta finale. Dal punto di vista tecnico niente da dire. Perfezione totale, basta provare a fare un ritratto dello stesso sapore per rendersi conto di quanto sia difficile ottenere quella luce, quella cromia così riuscita, quella resa morbida dei volti. Perfezione assoluta.

La luce infatti è fantastica, la composizione classica e riuscitissima. I giochi di chiaro e di scuro disegnano i volumi del viso, dei capelli e dei vestiti come nei più bei quadri antichi. I colori della fotografia sono tenui e lividi, il biancore della pelle di una purezza sovraterrena, la pettinatura misteriosa e perfetta. I tratti del viso sono sottilissimamente modificati dal ritocco, mai palese: le sopracciglia e le ciglia sono inesistenti, gli occhi sono più grandi, il collo più lungo. Le forme del viso sono lisce, levigate ed armoniose, la pelle morbidissima. L’espressione del viso è misteriosa, assorta, sfuggente, concentrata, malinconica, sovraterrena. Cosa chiedere di più dal punto di vista tecnico ad una fotografia? Qui si tratta di una di quelle immagini che ti fanno venir voglia di buttare nella Senna tutte le tue macchine fotografiche e obiettivi e andare a fare altro.

xteriors
Xteriors, dettaglio.
© Desirée Dolron

Al di là dell’aspetto puramente fotografico, a questi livelli, è quindi qualcosa in più che ti fa amare incodizionatamente quest’immagine. È la bellezza della ragazza, il modo in cui ti guarda. Sono le sensazioni che ti fa nascere in petto. Senti in qualche modo di amarla. In modo astratto, fragile e lontano, ma sempre di amore si tratta. Lo so benissimo che le sensazioni vere sono quelle della vita reale, che l’amore va al di là di un bel viso e si basa soprattutto su quello che due persone condividono. Ma in italiano mancano due parole distinte per indicare questi due sentimenti, uno reale e l’altro illusorio. E pur sempre di amore si tratta.

Esiste comunque un sentimento, una pulsione dettata unicamente dalla bellezza purissima, che è nota a tutti quelli che abbiano mai sognato. Come non amare infatti Scarlett Johansson in Lost in translation quando Bill Murray le sussurra all’orecchio che non lascerà la distanza separarli? Come non innamorarsi follemente di 章子怡 (Zhang Ziyi) quando, in 我的父亲母亲 (the road home), appena ventenne, corre fra gli alberi tutti illuminati, le foglie gialle che le splendono intorno in uno sfavillio di luci e colori? Come non capire lord Evandale de le roman de la momie di Théophile Gautier, che non si sposerà mai perché innamorato della mummia della bellissima fanciulla egiziana vissuta migliaia di anni prima? Come non sentirsi innamorati di Boccadirosa, con cui se ne parte la primavera?

Di fronte a questa fotografia di Desirée Dolron sento in petto gli stessi sentimenti confusi e contraddittori, la stessa gioia, tristezza, euforia, dolore, felicità. Lo stesso senso di amore. Gli stessi sentimenti certo irreali ma pur sempre bellissimi.